L’impatto dell’obesità sullo sviluppo cognitivo nei bambini

Secondo le statistiche del 2010 dei Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, circa il 17 per cento dei bambini americani e degli adolescenti di età compresa tra i 2 ei 19 anni sono obesi. Bassi livelli di stimolazione cognitiva in casa, nel frattempo, sono stati dimostrati di essere forti predittori di obesità infantile. Nei risultati di studio pubblicati nel 2002 in “The American Journal of Clinical Nutrition”, i ricercatori hanno dimostrato che una volta che un bambino diventa obeso, probabilmente rimarrà obeso. Poiché i bassi livelli di stimolazione cognitiva sono forti predittori dell’obesità, e una volta che siete obesi tendono a rimanere in questo modo, i bambini obesi possono avere probabilmente uno sviluppo cognitivo più lento, forse perché già stavano ricevendo bassi livelli di stimolazione cognitiva.

Gli effetti dell’obesità nell’infanzia

Mentre i pericoli fisici dell’obesità infantile sono ben noti, gli effetti emotivi e cognitivi sono altrettanto chiari. L’obesità durante l’infanzia è stata associata a effetti psicologici dannosi quali la discriminazione, la stigmatizzazione, il trauma emotivo e la depressione. I bambini obesi che sperimentano questi effetti possono ritirarsi dalle interazioni sociali. Se non stai ricevendo stimolazioni cognitive al di fuori della casa attraverso interazioni con gli altri e non lo si ottiene a casa, possono verificarsi ritardi nello sviluppo cognitivo.

Leptina ed Obesità

Un altro fattore che colpisce lo sviluppo cognitivo e l’obesità è la leptina, un ormone che sopprime l’appetito che viene secreto dalle cellule adipose. Nel 1995, la ricerca pubblicata nella rivista “Science” ha concluso che alcuni topi obesi avevano livelli inferiori di leptina rispetto ad altri topi obesi. E quando questi topi sono stati somministrati leptina, hanno perso peso. Tuttavia, quando gli umani obesi sono stati somministrati leptina, i risultati non sono stati così diretti, ha dichiarato il Dr. Umut Ozcan dell’ospedale dei bambini Boston nel 2009 sul sito di ScienceDaily. “La maggior parte degli esseri umani che sono obesi ha resistenza alla leptina”, ha detto Ozcan. “La leptina va al cervello e bussa alla porta, ma dentro, la persona è sorda.

Il ruolo della leptina nello sviluppo cognitivo

Mentre la leptina non è necessariamente una cura per l’obesità, la resistenza alla leptina nelle persone obese è un legame importante tra lo sviluppo cognitivo e l’obesità. Oltre al suo ruolo nel metabolismo, la leptina può anche migliorare lo sviluppo cognitivo. Dato i legami tra l’obesità e la resistenza di leptina e l’importanza della leptina nello sviluppo cognitivo, ne consegue che l’obesità può essere associata a un cognitivo ridotto.

L’impatto dell’obesità sullo sviluppo cognitivo nei bambini

L’epidemia di obesità infantile ha un enorme impatto sul benessere dei bambini americani. Non solo affrontano problemi di salute, ma ci sono anche conseguenze negative psicologiche e cognitive. A meno che il numero di bambini obesi non cada, gli Stati Uniti potrebbero probabilmente diventare una nazione di adulti sbagliati e non sani. Fornire ai bambini la stimolazione cognitiva in casa da una prima età potrebbe essere una soluzione.