La salute del fegato e la birra

Poiché la birra è una bevanda alcolica, il consumo pesante per periodi prolungati può portare a problemi di salute. Quando l’alcool è spezzato nel fegato, vengono generati diversi sottoprodotti che possono causare danni al fegato. Anche se il fegato è uno dei più grandi organi del corpo, con la capacità di rigenerarsi, il consumo eccessivo di alcol può portare a diverse condizioni epatiche, tra cui la malattia epatica, l’epatite alcolica, la cirrosi, la malattia epatica non alcolica e il cancro al fegato .

L’alcool, una sostanza prodotta dalla fermentazione degli zuccheri, è presente nella birra ad un livello di circa il 3% al 7%. I Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie osservano che 0,6 once di alcol puro è considerato una bevanda standard. Questa quantità si trova in 12 once di birra. Secondo il CDC, il consumo di alcol moderato è definito come una bevanda al giorno per le donne e fino a due bevande al giorno per gli uomini. Il bere pesante, per gli uomini, è definito come una media di più di due bevande al giorno, o più di 14 bevande totali in una settimana. Per le donne, il consumo pesante è definito come più di una bevanda al giorno o più di sette bevande a settimana.

Secondo la Go Ask Alice! Di Columbia Health, la condizione primaria che colpisce bevitori pesanti è la cirrosi del fegato. La cirrosi alcolica è definita come cicatrici del fegato. Secondo la American Liver Foundation, tra il 10 e il 20 per cento dei bevitori pesanti si svilupperà la cirrosi – una condizione irreversibile che può portare a un fegato. Andate a chiedere Alice! Nota che questa condizione, tuttavia, può essere fortemente influenzata da fattori genetici. Mentre alcuni individui possono verificarsi cirrosi epatica dopo pochi anni di consumo di tre o quattro bevande al giorno, altri che bevono pesantemente su base regolare non possono mai contrattare questa malattia.

Il consumo di alcol è una causa principale del cancro al fegato, osserva il National Cancer Institute. L’alcool può contribuire al cancro dalla sua conversione in acetaldeide, una sostanza tossica, promuovendo il danno del DNA attraverso l’ossidazione e inibendo la capacità del corpo di assorbire i nutrienti. L’istituto osserva che il rischio di sviluppare il cancro del fegato è direttamente legato al livello di alcol consumato.

Secondo la American Liver Foundation, la prima fase della malattia al fegato alcolico è la malattia epatica grassa. Questa condizione è definita come l’accumulo di grasso in eccesso nelle cellule epatiche. La fondazione osserva che mentre quasi tutti i bevitori pesanti sviluppano malattie del fegato grasso, questa condizione può essere invertita una volta che il consumo di alcol è fermato. L’epatite alcolica, che provoca gonfiori e danni al fegato, può causare sintomi quali vomito, perdita di appetito, febbre, nausea e ittero. Mentre l’epatite alcolica lieve può essere invertita, l’epatite alcolica più grave può portare a insufficienza epatica e morte. La malattia epatica non alcolica del fegato – caratterizzata anche dall’accumulo di grasso extra nel fegato – non è direttamente causata dall’alcol, anche se gli individui con cirrosi epatica e quelli in sovrappeso hanno maggiori probabilità di sviluppare la malattia. Inoltre, il consumo di alcol pesante può causare la gente a diventare sovrappeso.

Evitare i rischi per la salute che vengono forniti con il consumo di birra può essere realizzato in gran parte limitando o monitorando il consumo. Andate a chiedere Alice! Osserva che la maggior parte delle ricerche ha concluso che consumare tra una e due bevande al giorno per uno a due giorni alla settimana non sembra contribuire a condizioni sanitarie.

Informazioni sul consumo di alcool

Cirrosi del fegato

Cancro al fegato

Altre condizioni del fegato

Conservare in modo sicuro la birra