Il latte e il disordine del deficit di attenzione

Disordine di deficit di attenzione (ADD) è caratterizzato da distraibilità e difficoltà nel gestire il tempo, organizzare e concentrarsi. Quando una persona è anche molto attiva, la sindrome è chiamata disordine di iperattività di deficit di attenzione (ADHD). Gli individui con ADD sono noti per essere vulnerabili alle allergie alimentari e ai prodotti lattiero-caseari in cima all’elenco di allergeni noti che potrebbero causare questi sintomi.

Il problema con il latte

Il latte è costituito da molte proteine, ma i due principali sospetti che causano allergie sono il siero di latte e la caseina. Il siero è la sostanza acquosa che è separata quando formando il formaggio e la caseina è trasformata in “cagliata” durante questo processo. Alcune persone sono “intolleranti al lattosio”, il che significa che hanno difficoltà a digerire i prodotti lattiero-caseari. Questo è diverso da un’allergia, che può essere pericolosa per la vita. I sintomi delle allergie al latte includono dolore allo stomaco, ansimare, problemi cutanei e nausea. Gli studi hanno anche dimostrato che la rimozione del latte, in particolare la caseina dalla dieta, ha ridotto iperattività e impulsività nei bambini con ADHD.

Intolleranza al lattosio

Il lattosio è un enzima usato per digerire il lattosio di zucchero. Le persone con intolleranza al lattosio hanno una carenza di questo enzima. I sintomi dell’intolleranza al lattosio includono stomaco, gas, gonfiori e diarrea. L’intolleranza al lattosio non è una risposta immunitaria che provoca infiammazioni, innescando la produzione di anticorpi. Tuttavia, le allergie al latte possono danneggiare il sistema digestivo, causando una carenza di lattosio, causando così l’intolleranza al lattosio.

Rilevamento di allergie al latte

Le allergie al latte possono essere sospette basate su sintomi che si accendono durante il consumo. Tuttavia, sensibilità o allergie possono essere ulteriormente determinate utilizzando una dieta di eliminazione dove il latte è completamente eliminato per cinque a sette giorni. Poi viene reintrodotto per vedere se i sintomi appaiono. Un medico può eseguire un test del sangue che è più sicuro della dieta di eliminazione se esiste un rischio di reazione grave sulla reintroduzione del latte. Un test della pelle può anche aiutare nella diagnosi. Ciò implica l’immissione dell’alergene sotto la pelle e l’osservazione della reazione. Alcuni individui reagiscono a un allergene immediatamente consentendo una diagnosi basata su un sangue o la pelle test. Tuttavia, più della metà dei bambini con allergie al latte ha una reazione ritardata in tal caso, il test di eliminazione sarebbe uno strumento diagnostico più accurato.

Creazione di una dieta senza latte

La caseina si trova in tutto il latte materno, in modo che il latte materno di capra, pecora e anche umano possa innescare reazioni allergiche. La caseina è usata anche in molti alimenti come agente legante, quindi bisogna leggere attentamente le etichette o fare acquisti in un negozio di alimenti per la salute che vende prodotti alimentari specificamente per i clienti con restrizioni dietetiche. Ci sono numerosi libri di cucina senza caseina sul mercato e perfino corsi di cucina. Gli individui che non mangiano prodotti lattiero-caseari dovrebbero assicurarsi di ricevere adeguate proteine ​​e calcio attraverso altre fonti, come tofu, uova, vegetali a foglia, legumi, cereali integrali e cereali fortificati.

Alimenti per bambini e alimenti

I bambini dello spettro autistico spesso hanno una duplice diagnosi di ADD. Le allergie alimentari in questa popolazione sono molto comuni e ci sono stati rapporti di risultati promettenti quando i prodotti lattiero-caseari e di frumento vengono rimossi dalla dieta. Questa dieta è chiamata “glutine-free caseina-free” (GFCF). Gli individui con solo ADD o una duplice diagnosi di ADD e di autismo possono beneficiare di questa dieta. Si raccomanda che un medico conferma qualsiasi allergia alimentare e un assistente nutrizionista assistere nella progettazione di una dieta appropriata.